Padana Energia è azienda certificata UNI EN ISO 9001:2015 ed è organizzata per il ritiro di rifiuti provenienti dalla filiera agroalimentare, intesi come scarti alimentari ad uso umano o destinati al petfood, prodotti scaduti o prossimi alla scadenza, resi, invenduti, difettosi o danneggiati, partite di prodotti che, per qualsiasi motivo, anche legato a strategie
commerciali, vengono eliminate dalla distribuzione. partner affidabile e competente per tutte le aziende che hanno esubero di prodotti non vendibili e devono provvedere al loro corretto smaltimento.

Processo di lavorazione di Padana Energia

Image

L’azienda recupera rifiuti solidi, semisolidi, liquidi, confezionati o non confezionati, anche su bancali misti, provenienti dalle categorie merceologiche di cui riportiamo un elenco esemplificativo e non esaustivo:
sughi pronti a base di carne, pesce, vegetali, passata di pomodoro, verdure sottaceto e sottolio, olio di oliva, frutta sciroppata, marmellate e materie prime per confettura, mangime e cibo per animali domestici, vino, birra, superalcolici, caffè, zucchero, farine, lieviti, budini, prodotti da forno, cibi pronti congelati, cibi sottovuoto, zuppe pronte, pasta, prodotti da forno, dolciumi, bevande in genere, succhi di frutta, latte, yogurt, formaggi, latticini, salumi, intermedi di lavorazione, prodotti alimentari preparati in ricette varie con i prodotti di cui sopra, ecc.

Il ciclo di recupero consente di separare il prodotto alimentare dal packaging in modo veloce, efficiente e sicuro.
Allo scopo, le tipologie di packaging trattabili sono: vetro, banda stagnata, alluminio, pet, plastiche di vario tipo, carta, poliaccoppiati, che possono essere conferiti come imballaggi primari e/o secondari.
Grazie alla tecnologia adottata, oltre il 95% dei rifiuti trattati viene recuperato sotto forma di scarti di imballaggio in vetro, plastica, carta, alluminio, banda stagnata e metallo che vengono conferiti ad impianti di recupero e sotto forma di matrice organica da destinare ad impianti di produzione di energia elettrica e/o biometano da fonti rinnovabili. Il restante 5% viene recuperato come CDR in impianti dedicati.

Padana Energia è autorizzata ad operare con una capacità annua di trattamento di 30.000 tonnellate.

Classificazione dei Codici CER:

L’azienda detiene regolare autorizzazione ai sensi dell’art. 208 del D.Lgs 152/2006 per lo svolgimento dell’attività di messa in riserva (R13) e recupero (R3) di rifiuti non pericolosi identificati con la famiglia dei codici CER 02

Image

Rifiuti della preparazione e del trattamento di carne, pesce ed altri alimenti di origine animale

  • Cer 020201 fanghi da operazioni di lavaggio e pulizia
  • Cer 020203 scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
Image

Rifiuti della preparazione e del trattamento di frutta, verdura, cereali, oli alimentari, cacao, caffè, the e tabacco; della produzione di conserve alimentari, della produzione di lievito ed estratto di lievito, della preparazione e fermentazione di melassa

  • Cer 020301 fanghi da operazioni di lavaggio, pulizia sbucciatura, centrifugazione e separazione dei componenti
  • Cer 020304 Scarti inutilizzabili per il consumo e la trasformazione della produzione dell’industria alimentare
Image

Rifiuti prodotti dalla raffinazione dello zucchero

  • Cer 020403 fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti  
Image

Rifiuti dell’industria lattiero - casearia

  • Cer 020501 scarti inutilizzabili per il consumo e la trasformazione
  • Cer 020502 fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti  
Image

Rifiuti dell’industria dolciaria e della panificazione

  • Cer 020601 scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
  • Cer 020603 fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti  
Image

Rifiuti della produzione di bevande alcoliche ed analcoliche

  • Cer 020704 Scarti inutilizzabili per il consumo e la trasformazione
  • Cer 020705 fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti  
Image

Per l’attività di messa in riserva (R13):

  • 020104 Rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi)
  • 030101 Scarti di corteccia e sughero
  • 030105 Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce 030104
  • 100210 Scaglie di laminazione
  • 120102 Polveri e particolato di materiali ferrosi
  • 120101 Limatura e trucioli di materiali ferrosi
  • 120103 Limatura e trucioli di materiali non ferrosi
  • 120104 Polveri e particolato di materiali non ferrosi
  • 150107 Imballaggi di vetro
  • 150104 Imballaggi metallici
  • 150103 Imballaggi in legno
  • 150102 Imballaggi in plastica
  • 150104 Imballaggi metallici
  • 160117 Metalli ferrosi
  • 170201 Legno
  • 170202 Vetro
  • 170405 Ferro e Acciaio
  • 170203 Plastica
  • 170401 Rame, bronzo, ottone
  • 170402 Alluminio
  • 170403 Piombo
  • 170404 Zinco
  • 170406 Stagno
  • 170407 Metalli misti
  • 191203 Metalli non ferrosi
  • 191204 Plastica e gomma
  • 191202 Metalli ferrosi
  • 191203 Metalli non ferrosi
  • 191201 Carta e cartone
  • 191205 Vetro
  • 200102 Vetro
  • 200138 Legno, diverso da quello di cui alla voce 200137
  • 200139 Plastica
  • 200140 Metallo